domenica 21 novembre 2010

BANANA YOSHIMOTO: KITCHEN


banana yoshimoto, kitchen

Kitchen mi è subito piaciuto perché è un libro piccolissimo, meno di 100 pagine. Quindi un romanzo breve, come piacciono a me. Perché per il talento non servono tante parole. Si trasmettono emozioni
anche solo nello spazio tra un verbo ed un aggettivo. Così l'altro giorno ho preso in mano questo libro che avevo comprato da qualche tempo, e che da grande ignorante quale sono, ho scoperto essere universalmente noto…

E' un bellissimo romanzo intenso ma leggero che mi ha davvero emozionato. Protagonista una eroina dei nostri tempi, Mikage, che affronta come un giunco in modo aggraziato le avversità che la vita la chiama ad affrontare. Ma come un giunco appunto si piega, ma mai si spezza alla mediocrità e al senso di abbandono che zono sempre lì in agguato.
La cucina, prima fisicamente come luogo, poi spiritualmente come attività, è il suo punto fermo nell'universo che intorno a lei sembra in perenne improvviso crollo. Si sente sola, molto sola, e il solo luogo che la fa sentire bene è dormire accovacciata davanti al frigo che la culla con il suo ronzio.

Così ecco, se avete voglia di passare un bel pomeriggio pieno di talento letterario e di emozioni vere (almeno per me) preparatevi una bella zuppa o un bel tè, procuratevi un morbido e caldo plaid e accoccolatevi ovunque sia il vostro posto preferito. Nessun rumore, nessuna distrazione. Solo Mikage con la sua magia di un pomeriggio d'autunno.

8 commenti:

  1. ciao! ho letto anche io kitchen, è bellissimo. NAturalmente ho letto tutti i libri di banana yoshimoto

    RispondiElimina
  2. è una scrittrice che amo particolarmente, ma kitchen non l'ho ancora letto! e devo dire che mi hai convinta! :)

    RispondiElimina
  3. Ciao a tutte e due!
    per sweetmaremma: è il mio primo "yoshimoto" ed ho intenzione di leggerne altri, lo stile mi è piaciuto molto.
    per Rebecca: non sò gli altri ma questo (ed anche il racconto stampato in coda) mi sono piaciuti tanto.
    baci a tutte e due :)

    RispondiElimina
  4. Ciao,
    siamo una trattoria siciliana di Milano. Siamo in via Savona. Ci piace il tuo blog.
    Siamo appena partiti, ma posteremo tutto all'insegna della Sicilia: ricette, vini, racconti di città e cultura.
    Se ti va puoi seguirci.
    A presto!
    Trattoria Trinacria
    http://trattoriatrinacria.blogspot.com

    RispondiElimina
  5. Il blog Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Ballarini, ti invita a partecipare ad un contest a premi.
    Ai 3 vincitori saranno assegnati 3 fantastici prodotti Ballarini.
    Cosa aspetti? Dai libero sfogo alla fantasia e partecipa al contest.
    http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2010/11/contest-foodblogger-ai-fornelli-con.html

    RispondiElimina
  6. Eh pure io ho letto tutti i libri di Banana..ma kitchen è stato il primo...ormai forse più di 10 anni fa..^_^

    RispondiElimina
  7. una domanda: ma il piatto nella foto è per caso il katsudon di cui parla Banana nel libro? se si vorrei davvero davvero tanto la ricetta!:) dopo aver letto il libro ho subito provato un'attrazione irrefrenabile per questo piatto!
    baci!

    RispondiElimina
  8. Cara Rebecca,
    mi spiace deluderti, ma no. Il piatto che vedi nella foto è un brodo vegetale a cui ho tritato con il minipimer le verdurine che quindi hanno trasformato il brodo in una crema di verdure liquida. In mezzo ci ho messo delle crepe fatte a striscioline...buono...ma sicuramente non goloso come il katsudon che mi pare sia un piatto molto meno dietetico: una specie di cotoletta su riso bollito... :)

    RispondiElimina

TRACCE FRESCHE...DI CUCINA

muffin gluten free al grano saraceno e cramberries biscotti al cioccolato morbidi Barcellona the ultimate weekend merluzzo sous vide tapenade e carciofi  thailandia classic tour Gyoza