giovedì 7 luglio 2011

CATALANA BRULEE OVVERO CREMA COTTA ALLA FRANCESCA MANIERA

crema catalana, creme bruleé, crema cotta

Dopo due post "salati"...non ho potuto resistere ed ecco un post "dolce"

Ma questa volta ho l'alibi!...infatti esaudisco la richiesta di Cinzia con la quale ho un debito d'onore visto che ha quasi rotto il fidanzamento causa la mia torta di piselli! ^_^
...Anzi, colgo l'occasione per scusarmi con chi mi ha chiesto ricette da pubblicare e non ho ancora accontentato!...prima o poi ce la farò...o forse no...ma sappiate che ce la metterò tutta! Comunque, veniamo al post ed alla ricetta.
Vista la richiesta di Cinzia di appunto una creme bruleé e visto che a Torino ho comperato il cannello della Barbie (da me così denominato in quanto piccolissimo e di color rosa fucsia) ho fatto due più due e mi sono buttata nella sperimentazione di creme cotte. Prima ho provato la classica catalana: latte, rossi d'uovo, zucchero,stecca di cannella, scorza di limone, cotta sul fuoco e poi messa in recipienti bassi due dita di coccio... e-che-ve-lo-dico-a-fa? poichè il mio sedicente fidanzato ^_^ odia cannella e scorza di limone...un pò e mi tirava dietro tutto...sgrunt! sig! e sob! così ho ritentato con la classica creme bruleé ovvero panna, rossi d'uovo, zucchero, vaniglia, cotti in forno a bagno maria in cocottine strette ed alte...mbe, questa volta non è piaciuta a me. Troppo grassa per i miei gusti e anche troppo soda la crema...

Allora ho pensato di fare un mix ed ho creato la Catalana Bruleé: ho usato il latte ed il procedimento della catalana con gli aromi e le cocotte della Creme Bruleé...In più ci ho messo un tocco abruzzese aggiungendo l'Aurum che, per chi non lo avesse ancora imparato, è un brandy aromatizzato all'arancia. E quindi ecco la mia Catalana Bruleé la cui consistenza è morbida morbida sotto un guscio di croccante caramello.

CATALANA BRULEE
latte intero 250 ml
tuorlo d'uovo 50 gr (circa 3)
zucchero semolato 50 gr (pari quantità del tuorlo)
amido di mais 15 gr
vaniglia 1 bacca
zucchero di canna 3 cucchiai circa per il caramello superiore
Aurum (o altro liquore) 1 cucchiaio oppure 1 scorza di limone biologico
cannello o bruciatore (in sostituzione il grill del forno)

le dosi: sono per 4 cocottine creme brulee monoporzione come in foto
per 4 cocotte da crema catalana 10 cm diametro 2 cm di altezza raddoppiare le dosi.



Ho iniziato con il procedimento che normalmente si usa per la crema catalana ed ovvero ho messo il latte in un pentolino con l'interno della bacca di vaniglia ed anche la buccia di limone. Quando ha iniziato a bollire ho spento ed ho lasciato in infusione per 30 minuti circa meglio ancora tutta la notte o qualche ora in frigorifero coperto con una pellicola.

Nel frattempo ha messo i rossi di uovo, lo zucchero e l'Aurum (o qualsiasi altra profumazione oppure nulla!) in una boule e li ho sbattuti con una frusta a mano per bene fino a farli schiumare e rendere il composto chiaro ed arioso. Ho riscaldato il latte nel microonde o sul gas a vostro piacimento. Nel frattempo ho aggiunto la fecola al composto di uova e zucchero mescolando bene. Una volta scaldato il latte ho versato il latte filtrandolo con un colino a rete fitta. Ho mescolato bene quindi ho rimesso il composto nel pentolino sul fuoco ed ho iniziato a girare con il frustino fino a quando il composto si sarà rappreso e la frusta lascia la traccia girando nella crema.

Per la dose doppia (ovvero 500 ml di latte tiepido a 40 gradi) si può effettuare la cottura al microonde con la seguente procedura: far cuocere 2 minuti a 950w di potenza, aprire girare vigorosamente con la frusta, cuocere 1 minuto girare di nuovo ed infine per 50 secondi. La crema dovrebbe aver raggiunto gli 85 gradi circa.  Se la crema non sembra ancora consistente perchè magari il latte era più freddo fate andare ancora 20/30 secondi o comunque fino a quando non ha la giusta consistenza/temperatura. Al termine mettere la ciotola in un bagno di acqua fredda mentre girare vigorosamente per far scendere la temperatura sotto i 50° e fermare la cottura dell'uovo.

Una volta cotta la crema non mi è restato che versare la crema nelle quattro cocottine e mettere in frigo a rassodare. Direi almeno due tre ore anche di più sarebbe meglio.

Prima di servire spolverare la superficie con 3/4 di cucchiai di zucchero di canna e bruciare con il cannello. Oppure mettere sotto il grill...ma non so darvi istruzioni in merito visto che io sono attrezzatissima ed ho un bellissimo cannello!! ^_^

11 commenti:

  1. Grande Francesca! Un bacione
    ciao
    Ale

    RispondiElimina
  2. Interessante questa versione! Una cocottina post cena starebbe alla grande!

    RispondiElimina
  3. Ma che delizia!!!
    E come sempre una gran bella rappresentazione fotografica!!
    Mi hai fatto venire una voglia....
    Bravissima e complimentissimi!!

    RispondiElimina
  4. Grandissima!.... come non farla!
    Grazie.
    Hilary

    RispondiElimina
  5. Francesca mi sento onoratissimaissima issima issima di questo post che mi permetterà.... forse... se il mio ragazzo, in un futuro molto futuro, deciderà di prendermi in sposa di scegliere la cucina.. perchè la pena, conoscendo la mia avversione per tale preparazione, è sempre stata:" se non impari a fare la crema catalana prima del matrimonio la cucina la scelgo io" ahhhh orrore...ahhh... devo cimentarmi immediatamente perchè questo potrebbe essere il mio lasciapassare al negozio di cucine! grazie mille e ti so dire appena la faccio cosa ci salta fuori!ahahah
    grazieee.. incredibile sta cosa di avere un post in mio onore è bellissima....:)

    RispondiElimina
  6. eccomi eccomi...grazie mille a tutte di essere passate a trovarmi e:

    @ale: grandissima ale altro che! ho visto il tuo ultimo post... :O

    @cinzia: ma va la dai! sono io che sono onoratissimissimissima che passiate a trovarmi e provate le mie ricette...
    certo però che mi giochi dei bei tiri mancini!!! ^_^ mi ha buttato così, con nonchalance, una crema catalana...mica mi hai detto di tutta sta'storia! va a finire che adesso se avrai una orribile cucina mi dovrò sentire in colpa per tutta la vita... :( Mi raccomando, concentrati quando prepari questa crema!! ^_^ e falla stare in frigo un bel pò magari anche una giornata prima.
    ...sto già sudando per l'ansia!! sob!

    RispondiElimina
  7. francesca non ti dico quanto sudo io... un rapporto basato su una catalana e la possibilità di una cucina, il mio regno, scelta da un uomo mi fanno venire i brividi...! in fin dei conti si impara a convivere con certe situazioni...'-' hahahah... la prossima settimana la faccio e poi vediamo che dice.. mi gioco il tutto e per tutto con una cocottina di crema...:) ahaah..appena ho il verdetto te lo comunico così sarai partecipe della mia gioia o delusione..!:)

    RispondiElimina
  8. Ciao!!! ieri sera l'ho sperimentata....mi è venuto un pò bruciacchiato il caramello, forse non ho saputo ben dosare il cannello (temevo di prendere fuoco!!) ...cmq i commensali hanno gradito ma devo migliorare....ciaoooooooo
    Faby

    RispondiElimina
  9. ho la scelta della cucina nelle mie maniiiiiii!!!!!!!!!!! evvai.... prova superata!!!! quando ha affondato il cucchiaini ho sudato freddo ma poi...."a te la scelta della cucina"!!!!! evvaiiii!!

    RispondiElimina
  10. Caspita Cinzia!! wow sono contentisssima, e che sollievo leggere il tuo commento ^_^
    quindi è uscita proprio come nei suoi desideri? e adesso ce l'hai in pungo?! bene bene!

    RispondiElimina

TRACCE FRESCHE...DI CUCINA

muffin gluten free cioccolato e banana torta di mele, grano saraceno falafel e salsa tahina verde Sorpendenti Hawaii Sorpendenti Hawaii zenzero candito