domenica 10 maggio 2009

PANCAKE E SCIROPPO D'ACERO DEL VERMONT

sciroppo d'acero, pancake, vermont, mirtilli, maple syrup

Era da una vita che per colazione non preparavo i Pancake... e dire che per mesi li ho preparati tutte le domeniche. Ma da quando ho visto ridursi all'osso la mia scorta di sciroppo d'acero che ho portato dal Vermont ho interrotto questa tradizione domenicale nell'ansia di centellinare le ultime gocce di questo delizioso sciroppo

pacake, sciroppo d'acero, maple syrup, frutti di bosco
Per chi non avesse mai assaggiato lo sciroppo d'acero vero, quello comperato nella patria del "Maple Syrup" ovvero il Vermont non sà cosa si perde... Lo sciroppo d'acero del Vermont sta che so...alla pizza cucinata a Napoli come la roba che spacciano per sciroppo nei nostri supermercati sta alla pizza che fanno negli USA... tutta un'altra storia! Lo sciroppo d'acero vero ha un sapore incredibile: è dolce ma non stucchevole e ho imparato che è prodotto in quattro gradi di intensità (dal più raffinato e delicato chiamato Fancy a quello scurissimo quasi melassa chiamato grade B) e ognuno ha il suo uso specifico. I pancake per esempio vogliono il Fancy e con lo sciroppo d'acero sono davvero fantastici.
Negli USA preparano i pancake in mille modi ma la tradizione è di abbinare in un unico piatto pancake e salsicce irrorati di sciroppo d'acero... uno strano abbinamento ma almeno una volta va provato. Io però i pancake li preparo un pò più "all'Italiana" ovvero con i frutti di bosco... E devo dire che la foto dei miei pancake mostrata ai Vermontini (si chiameranno così gli abitanti del Vermont?!) ha suscitato un certo interesse...

PANCAKE
farina 120 gr
uovo 1 medio grande
latte 60 gr
yogurth bianco 60 gr
burro 15 gr
bicarbonato 10 gr pari a circa cucchiaino da caffè
qualche goccia di limone
sciroppo d'acero
frutti di bosco a piacere


Le dosi sono per 6/7 pancake di 10 cm di diametro (usare coppapasta)

La pastella la preparo la sera prima perchè se riposa tutta una notte è meglio, ma se mi dimentico e la preparo sul momento basta farla riposare una 20" prima di usarla. Ovviamente il bicarbonato va messo all'ultimo momento poco prima di usarla: cioè lo metto nell'impasto insieme alle gocce di limone appena prima di iniziare a preparare i pancake.
Il procedimento è semplicissimo identico a quello per le crepè: unisco in una terrina tutti gli ingredienti liquidi: uovo, burro fuso, yogurth e latte e dopo avere mescolato unisco la farina setacciata per evitare grumi. Se per caso il composto fosse troppo compatto aggiungo ancora un goccio di latte. Il bicarbonato lo metto per ultimo appena prima di cuocere i pancake aggiungendo qualche goccia di limone per attivare il potere lievitante del Bicarbonato.
Nel frattempo che la pastella riposa, se non l'ho preparata la sera prima, preparo la frutta tagliandola a pezzi e salvando qualche mirtillo che di solito "infilo" nel pancake...
La cottura la faccio in una padellina con fondo spesso accendendo il fuoco abbastanza alto. Per avere dei pancake regolari uso un coppapasta tondo di 10 cm di diametro che ungo ogni volta. Quando la padella è sciolgo un pezzettino di burro per ungerla e poi pulisco l'eccesso con uno scottex e metto nel mezzo il coppapasta unto di burro. Con un porzionatore da gelato verso una "palline" di pastella e la muovo per riempire tutto il diametro del coppapasta. Mentre si cuoce metto qualche mirtillo sopra la pastella prima che si gonfi. A questo punto prima di girare il pancake tolgo il coppapasta e poi giro la frittella per una brevissima cottura nell'altro lato.
Mentre finisco la pastella tengo al caldo i pancake nel forno acceso non ventilato a 60°.

Finiti tutti i pancake ci aggiungo la frutta e lo sciroppo d'acero sopra.

17 commenti:

  1. Non sapevo di queste differenze tra lo sciroppo d'acero, mi ingolosisce alquanto!

    RispondiElimina
  2. Davvero un'ottima colazione, brava!

    RispondiElimina
  3. @Elga: è davvero tanto differente il vero sciroppo d'acero. da quando l'ho provato non riesco più a comperare quello che troviamo noi nei supermercati... sto organizzando una spedizione dal Vermont :-)

    @Barbara: è buonissima come colazione e anche veloce soprattutto se prepari la pastella la sra prima (ovviamente da conservare in frigo)

    RispondiElimina
  4. lo puoi comprare qui...
    http://www.dakinfarm.com/xq/aspx/dept_id.179/qx/DisplayGroup.htm

    RispondiElimina
  5. riguardo quel sito: http://www.dakinfarm.com/xq/aspx/dept_id.179/qx/DisplayGroup.htm non credo vada bene perchè le ordinazioni si limitano agli stati uniti! un buon tipo di sciroppo d'acero l'ho comprato a roma da Castroni.. prodotto e fabbricato in canada.. solo che costicchia! sto cercando di trovarlo altrove

    RispondiElimina
  6. Cari anonimo e abbey_90 io non ho bisogno di info per lo sciroppo d'acero.
    Me lo faccio venire dal vermont. Se vi interessa in questo post c'è il link al sito ufficiale del vermont dei produttori di acero.
    http://traccedicibo.blogspot.com/2009/06/lo-sciroppo-dal-vermont-e-arrivato.html

    RispondiElimina
  7. a casa da scuola causa terremoto...meno male che ho scoperto questo blog :) :) ogni mattina un dolce diverso :) il mio colesterolo e quello della family non è molto contento ma sicuramento lo spirito si :) Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ambra,
      è bellissimo per me sapere che contribuisco in qualche modo a dare una mano in questa bruttissima situazione, sono io che ringrazio te per avermelo fatto sapere!!
      Coraggio, coraggio! tutto passa nella vita, bisogna solo avere la pazienza di far scorrere il tempo, e le belle cose torneranno anche più di prima! bisogna sempre essere ottimisti, soprattutto nelle brutte situazioni come queste. Abbattersi non serve. Quindi ben venga il colesterolo!!! e la buona cucina che distrae e consola palato e psiche!!
      Se c'è un dolce particolare che ti piacerebbe provare a cucinare e non lo trovi qui, fammelo sapere, così se posso provo a postartelo.
      Per questo e qualsiasi altra cosa possa fare per te scrivimi a: francesca.pazienza@gmail.com
      In bocca al lupo ed un abbraccio fortissimo a te e tutta la tua family. ^_^

      Elimina
  8. Provati l'altra mattina con mio marito a colazione...sembrava davvero di essere in uno di quei fil americani! Davvero ottime!!Grazie ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      scusa il ritardo nella risposta!!
      sono felice che vi sia piaciuto! ... è la colazione preferita del mio fidanzato e mi mette sempre il broncio quando non gliela preparo spesso... Non mi ricordo se l'ho scritto, ma se ti avanzano dei pancake puoi comodamente surgelarli. Ovviamente sono sempre buoni, ma mai come appena fatti!

      Elimina
  9. Ciao ho visto questa ricetta dei pancakes e sono impazzita soprattutto quando ho visto i frutti fi bosco che adoro. Volevo chiederti esattamente quando devo mettere il bicarbonato e limone e quante gocce per attivare il potere lievitante? Dopo che li metto nell'impasto devo mescolare giusto e poi verso il composto nella padella. Grazie per questa buonissima ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      per il limone vai ad occhio 4/5 gocce vanno benissimo.
      la procedura corretta per avere il massimo sviluppo è quella di mettere il bicarbonato, mescolare nella pastella e poi aggiungere le gocce di limone e rimescolare di nuovo. Il tutto appena prima di cuocere, di solito io lo faccio mentre scaldo la padella (mi raccomando!) e lavo i frutti di bosco.
      Buon pancake!!! ^_^

      Elimina
  10. Ciao Francesca, oggi ho provato a fare i tuoi pancakes e il risultato è stato molto soddisfacente. Unico neo che spero magari tu possa aiutarmi è stato il bicarbonato o meglio il retrogusto che un po' si sentiva. Me ne sono venuti 6 in totale che ho diviso per tre e visto che avevo il miele e non lo sciroppo ho fatto due porzioni tra cui uno con i miei adorati frutti di bosco!
    Ti ringrazio in anticipo per la dritte che mi darai! ma per lo sciroppo secondo te nei supermercati tipo coop o conad riuscirei a trovarlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Retrogusto amarognolo? significa che ne hai messo un pò troppo...la prossima volta riduci un pò.
      Lo sciroppo d'acero lo trovi in quasi tutti i supermercati ma di solito è quello canadese e di solito di qualità non eccelsa. Se provi quello buono fatto nel Vermont è tutta un'altra cosa...

      Elimina
  11. Più o meno si. Allora proverò a mettere mezzo cucchiaino invece di uno e vediamo se gonfieranno allo stesso modo. Devo provare lo sciroppo, soprattutto dopo che ho scoperto che mio fratello lo ha provato una volta senza nemmeno saperlo! beato lui! grazie mille per le dritte! magari andassi direttamente in Vermont a comprarlo!! così mi farei pure un bel viaggetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi provare a ridurre anche un pò di meno e vedere l'effetto di sapore e gonfiore...
      per lo sciroppo puoi fartelo arrivare....se fai i conti nonostante i trasporti ti costa al massimo uguale a quello del supermercato...Io lo sto facendo arrivare proprio in questi giorni... ^_^

      Elimina
  12. Francesca, per favore dove trovo a Napoli lo sciroppo di acero? Grazie
    ap

    RispondiElimina

TRACCE FRESCHE...DI CUCINA

muffin gluten free al grano saraceno e cramberries biscotti al cioccolato morbidi Barcellona the ultimate weekend merluzzo sous vide tapenade e carciofi  thailandia classic tour Gyoza