martedì 23 agosto 2011

NAVELLI: IL REGNO DELLO ZAFFERANO

navelli, zafferano, ceci

Vi ricordate l'anno scorso che io e Giò non abbiamo fatto altro che girovagare per sagre tutte le sere? Mbe una a cui ci tenevo tanto l'avevamo saltata, ed allora eccovi qui Navelli la patria dello zafferano, a cui da qualche anno hanno assegnato il DOP con la dicitura "zafferano dell'Aquila",  alla sagra appunto dello Zafferano e dei Ceci, si perchè ho scoperto che è famosa anche per i ceci rossi e bianchi.

Navelli a parte lo zafferano, se avrete il modo ed il tempo di visitarla scoprire che è un borgo davvero incantanto come tanti comunque in queste zone. Camminando su per le stradine del borgo verso la cima dove si trova il castello, non potrete non essere rapiti da portoncini di rara bellezza e scorci in cui il tempo sembra essersi fermato qualche secolo fa.


navelli, zafferano, ceci

La Sagra dei Ceci e dello Zafferano è arrivata quest'anno alla sua 35° edizione ed è una manifestazione enogastronomica, promossa dalla Pro loco di Navelli ad ogni agosto e della durata di due giorni. Nata nel 1976, ha come sede la piazza del Paese dove si possono gustare piatti a base di zafferano come risotto e pasta ma anche e soprattutto dei fantastici supplì (ovvero arancini di riso allo zafferano). Personalmente ritengo che questi ultimi siano davvero fantastici. Tra i piatti a base di ceci ci sono fondamentalmente pasta e ceci, ceci in salsa di pomodoro e anche con le biete...tutti molto buoni.
I prodotti locali come zafferano e ceci nonchè i manufatti compresi i dolci fatti con lo zafferano, si possono acquistare nelle bancarelle di contorno alla sagra. Volendo si possono acquistare anche i bulbi per provare a coltivare da se sè l'oro rosso ovvero lo zafferano... Non mancano altre eccellenze del circondario come l'aglio rosso di Sulmona ed i famosi confetti sempre di Sulmona.

Il Palio degli Asini invece si è aggiunto nel 1980 come manifestazione di contorno alla Sagra dei Ceci e dello Zafferano e vuol essere una parodia del famoso Palio di Siena. Preceduto da una sfilata di carri con personaggi in costume tradizionale e sbandieratori, la gara si svolge con fantini assegnati agli asini di ciascuna contrada all'ultimo momento tramite sorteggio. Sfortunatamente non abbiamo visto il Palio, che pare sia davvero esilarante, inquanto viene svolto nel pomeriggio del secondo giorno e noi siamo stati alla fiera la sera del primo.

zafferano, navelli

Se siete nelle vicinanze di Navelli ed avete un pò di tempo non potete mancare una visita a Capestrano dove fu rinvenuto l'omonimo e famoso guerriero nonchè un giro per la fantastica piana di Campo Imperatore bellissima in tutte le stagioni.

TI E' PIACIUTO QUESTO RACCONTO CULINARIO? ALLORA FORSE SEI INTERESSATO A TRACCE ON THE ROAD

6 commenti:

  1. Evviva i ceci, evviva l'oro rosso ed evviva Navelli!

    RispondiElimina
  2. il post è utilissimo e la foto dello zafferano mi incanta proprio :)

    RispondiElimina
  3. Grazieee mille a tutti per essere passati a trovarmi!!
    evivva lo zafferanooo!! ^_^

    RispondiElimina
  4. l'oro dell'Abruzzo...comunque tutta quella regione è come 100 anni fa, ancora selvaggia per certi aspetti ed incantevole alla vista

    RispondiElimina
  5. Alessia,
    con me sfondi una porta aperta...mi piace tantissimo la mia terra e capisco quanto mi manca tutte le volte che ci torno...

    RispondiElimina

TRACCE FRESCHE...DI CUCINA

muffin gluten free al grano saraceno e cramberries biscotti al cioccolato morbidi Barcellona the ultimate weekend merluzzo sous vide tapenade e carciofi  thailandia classic tour Gyoza