venerdì 15 ottobre 2010

LA PASTA CHOUX ALLA MARGARINA

pasta choux, eclair, bignè

Mannaggia, mannaggia, lo sò sono in ritardissimo nel darvi la ricetta della pasta choux che vi avevo promesso e che ho usato per fare gli eclair al cioccolato. Ma sono ancora in tempo affinchè facciate la spesa e li prepariate nel week-end!
In effetti quello di cui vi voglio parlare (e per questo che ci tenevo a fare un post dedicato) riguarda il fatto che dopo qualche tentativo sono riuscita ad ottenere una fantastica pasta choux facendola con margarina e un pizzico di lievito.
Io ho sempre usato la mia ricetta che ho dalla preistoria dei tempi e che non ha mai fallito, ma tanto tempo fà ho sentito al Gambero Rosso uno chef ospite della trasmissione "Dolcemente" che proponeva la sua ricetta degli choux (di cui ovviamente non ho scritto o forse non ha detto le dosi) che conteneva appunto queste due particolarità: la margarina al posto del burro e un pizzico di lievito.

Questa cosa mi ha subito incuriosita, ma non avendo mai tempo, non sono mai riuscita a provare questa "variante". Così l'altro giorno quando ho pensato i famosi eclair ho fatto un paio di prove partendo dalla mia ricetta base e alla fine ho tirato fuori un impasto che devo dire mi ha davvero soddisfatta: gli eclair sono risultati belli gonfi e completamente cavi all'interno e la consistenza all'esterno è rimasta croccante e leggera anche dopo due giorni lasciati all'aperto.
Va beh, ora basta vado a presentarvi la ricetta che spero sia di vostro gradimento.

PASTA CHOUX
farina 125 gr
acqua 200 gr
margarina 75 gr
uova 2 grandi (circa 120 gr)
lievito in polvere una punta di coltello

le dosi sono per circa 40 choux o eclair

Il procedimento è praticamente identico alla ricetta tradizionale ed è parimenti importante fare attenzione al giusto procedimento per una buona riuscita.
Prima di tutto ho messo in un pentolino antiaderente l'acqua con la margarina in pezzi su fuoco medio e ho portato a bollore. Una volta arrivato a bollore ho tolto dal fuoco e ho buttato nel liquido in un sol colpo tutta la farina preventivamente setacciata. Ho mescolato con un cucchiaio di legno ed ho rimesso subito sul fuoco fino a quando l'impasto non è risultato bello liscio e si staccava bene dalle pareti. Questa fase è essenziale in quanto non far cuocere abbastanza l'impasto sul fuoco non permetterà poi di far assorbire il giusto quantitativo di uova, mentre farla cuocere troppo significa far trasudare troppo il burro e rovinare la consistenza l'impasto che resterà grumoso. Il giusto sono circa 2 minuti di cottura. Appena vedete che l'impasto è bello liscio e compatto e incomincia a trasudare togliete immediatamente dal fuoco.
Ho fatto raffreddare l'impasto almeno 15 minuti prima di passarlo in planetaria. Ho messo in planetaria   l'impasto con la frusta k del kenwood (oppure potete procedere con uno sbattitore normale o a anche a mano)ed ho incorporato una alla volta le uova leggermente sbattute. Anche questa fase è essenziale perchè prima di aggiungere un uovo è essenziale che il precedente sia perfettamente amalgamato. Inoltre specialmente l'ultimo uovo aggiungetelo un pò alla volta perchè potrebbe darsi che a seconda del loro peso, del potere assorbente della farina e della modalità di cottura precedente, le uova indicate possano essere troppe e rendere l'impasto troppo liquido. L'impasto infatti alla fine deve essere consistente e colloso. una pasta da spremere con facilità dalla sac a poche. Tra un uovo e un altro aggiungere il pizzico di lievito.
Finito l'impasto ho messo il tutto in una bella sac a poche usa e getta ed ho tagliato il fondo della larghezza di 1-1.5 cm. .(altrimenti usate una bocchetta liscia). A questo punto io per fare gli eclair ho proceduto disegnando sulla placca foderata dalla carta da forno, tanti bastoncini della lunghezza di circa 5-6 cm. Per fare gli choux si procederà facendo dei piccoli mucchietti di pasta della grandezza voluta. E' imporante non disegnare gli choux o gli eclair troppo ravvicinati sia perchè in cottura crescono parecchio e si attaccherebbero sia perchè è necessaria una buona ventilazione attorno alla pasta per farla crescere in modo appropriato.
La cottura è l'ultimo passo importante: dovranno andare in forno ventilato (io lo preferisco ma potete usare anche quello statico)  assolutamente già in temperatura a 200° per 20 minuti (Vi consiglio di tarare il forno a 220° in modo che all'apertura del forno per infornare lo stesso non scenda poi sotto i 200°). Dopo 20 minuti aprite un attimo il forno per far uscire il vapore e abbassate a 190° per altri 10 minuti. Una volta sfornati gli choux o eclair vanno raffreddati all'aria e possibilmente in un luogo piuttosto non umido.

8 commenti:

  1. Anch'io una volta ho provato a farli con la margarina..l'idea del lievito..non mi era venuta in mente..proverò sicuramente!!Baci

    RispondiElimina
  2. Ciao!
    come dicevo, non è farina del mio sacco!... ho "rubato" l'idea ad un famoso chef... io ho solo cercato di trovare le dosi giuste... :D

    RispondiElimina
  3. olá!!parabéns!!adorei..
    caroliny!!

    RispondiElimina
  4. Ciao! Mi piace moltissimo il tuo blog. Ben fatto e soprattutto ricette e fotografie fantastiche! Complimenti..verrò a trovarti spesso! SEI AVVISATA :D hahahahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarù, scusami se ti rispondo solo ora...ma è un periodo che faccio fatica a stare dietro un pò a tutto... :(

      Sono felicissima che mi passerai ancora a trovarmi!!! TI ASPETTO!

      Elimina
  5. La ricetta è giustissima ma per i tempi di cottura nn ci siamo i miei a 200 gradi forno ventilato mi sono bastati 15 minuti. Sono buonissimi!!!! Grazie Ale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale!
      sono felice che gli choux ti siano venuti bene!...per la cottura sai, dipende anche dal forno...le temeperature reali non sono mai quelle indicate dal termostato...e poi dipende anche dalla grandezza degli choux o eclair che hai fatto...l'importante è che ti sia divertita e che la ricetta sia uscita bene!!!!!!

      Elimina

TRACCE FRESCHE...DI CUCINA

muffin gluten free al grano saraceno e cramberries biscotti al cioccolato morbidi Barcellona the ultimate weekend merluzzo sous vide tapenade e carciofi  thailandia classic tour Gyoza