domenica 11 aprile 2010

BASPUSA, BASBUSA, BASBOOSA...INSOMMA QUESTA!

semolina cake, basbusa, basboosa, basousa, ravani, torta semolino
...Capperi! ma stà torta ha più nomi di Fantomas!!...ma che torta è direte voi?... Mbè, si tratta di una torta che è piaciuta tanto a Giò quando siamo stati in Egitto, ed io ho "violentato" il povero pasticciere dell'albergo per averne la ricetta.
Vi avverto, se avete intenzione di provarla, non è dolce ma stra-dolce!!... in effetti non sò bene cosa significhi il suo nome in arabo ma secondo me la traduzione più o meno significherà torta di zucchero!... se le mie mani hanno tremato con i Canneles Bordelais, qui ho dovuto veramente chiudere gli occhi per lo zucchero incorporato in questa ricetta.

semolina cake, basbusa, basboosa, basousa, ravani, torta semolino
Ma andiamo con ordine! Allora ho girovagato sulla rete ed ho scoperto che questa torta ha tantissimi nomi, per esempio anche Ravani, ed è in varie versioni presente in tutti i paesi che si affacciano sul mediterraneo orientale compreso Grecia, Turchia, Israele, etc...la cosa che accomuna tutte le versioni sono gli ingredienti base: semolino e sciroppo di zucchero.
Veniamo quindi a come sono entrata in possesso di questa ricetta. Questa era una delle torte omnipresenti nel buffet dolce dell'albergo a Sharm e Giò se n'è innamorato. Così, quasi per scherzo, ho chiesto alla reception se potevo parlare al capo pasticciere per chiedere una ricetta. Mi hanno gentilmente detto che lo Chef non c'era ma che a ora di pranzo avrei potuto chiedere di lui...
Non ci crederete (non ci credevo neanche io!) ma all'ora del pranzo non ho dovuto neanche chiedere del capo pasticciere. Mentre addentavo un pezzo di pollo, vedo incamminarsi verso di me la versione egiziana di Rataouille che si mette una mano in tasca e mi tira fuori un foglio di carta con su scritta di suo pugno la ricetta della torta. Il poverino Si presenta (si chiama Sohby) e tutto orgoglioso mi spiega che questa che mi stà dando è la ricetta della sua mamma!
Resterà per sempre il mistero di come Sobhy abbia fatto a capire che la ricetta che volevo era proprio quella...
Ripresami dalla sorpresa di tutta la scena, mi accorgo che il timidissimo chef che si era dileguato dopo due parole, mi aveva appuntato sul foglio solo la lista degli ingredienti (ovviamente nei quantitativi da albergo... tipo 3kg di semolino, 2 kg di zucchero...) ma nemmeno una qualche piccola indicazione del procedimento... e allora ho inseguito Sohby e in un inglese incerto da parte di tutti e due mi sono fatta dire almeno le fasi salienti per preparare stà povera torta.

Il nome della ricetta ve lo scrivo come me l'ha scritto Sohby ovvero Baspusa, anche se ho visto che normalmente viene chiamata Basbousa in Egitto.
Infine questa nella foto qui sotto è la versione originale di Sohby fotografata in Egitto...che ne dite? non mi pare tanto diversa dalla mia...il sapore non lo era...

semolina cake, basbusa, basboosa, basousa, ravani, torta semolino

BASPUSA (o BASBOUSA)
semolino 300 gr
zucchero 200 gr
farina di cocco 25 gr
burro 50 gr
miele 25 gr
latte 100 gr

per lo sciroppo
zucchero 300 gr
acqua 300 gr
miele 75 gr

le dosi sono per una tortiera tonda da 22 cm con cerniera.


Il procedimento me lo sono "arrangiato" tra le due parole di Sobhy e il fatto di aver fatto due volte la torta prima di azzardarmi a darvi la ricetta... che brava eh?!
Prima di tutto bisogna fare lo sciroppo: ho messo in un pentolino a fondo spesso lo zucchero con l'acqua ed a fuoco medio ho portato a bollore. Ho fatto bollire per 10 minuti circa, poi ho aggiunto il miele ed ho proseguito per qualche minuto (circa 5 minuti). Lo sciroppo non si deve addensare. Deve risultare meno liquido dell'acqua ma meno denso del caramello. Ho messo a raffreddare lo sciroppo.

Nel frattempo ho preparato l'impasto mettendo nella boule del Kenwood tutti gli ingredienti tranne il miele ed il latte. Ho fatto andare con la frusta K come per la pasta frolla ed ho aspettato che tutto il composto fosse sabbioso come per la pasta frolla. A quel punto ho aggiunto prima il miele e poi il latte. Il composto risulterà simile a quello degli gnocchi alla romana.
Ho imburrato la tortiera sui lati e sul fondo l'ho rivestita con carta da forno(eviterà che si attacchi la torta sul fondo). Quindi ho versato il composto nella tortiera ed ho livellato il tutto con le dita bagnate di acqua.
Ho infornato a 190° per 30 minuti a forno ventilato mettendo la tortiera sul ripiano appena sotto a quello di mezzo del forno.
Appena sfornata, ho irrorato la torta con lo sciroppo con l'aiuto di un cucchiaio. Lo sciroppo più o meno servirà tutto, ma consiglio di versarne un pò alla volta e continuare solo fino a quando si vede che la torta ne assorbe ancora.
La torta prima di essere sformata e tagliata và fatta raffreddare completamente.
Per conservarla consiglio di coprirla perchè all'aria tenderà a seccare lo sciroppo rendendola dura e secca.

14 commenti:

  1. Ciao Francesca, questa ricetta non te la rubo... non mi fanno impazzire i dolci dolci... e ti dirò che non ricordo neppure di aver mangiato qualcosa di simile in Egitto... sarà perchè preferivo i buffet salati??? mah...
    un abbraccio, spero tu ti sia rilassata, io lo adoro l'Egitto. ciao

    RispondiElimina
  2. Ciao Ale,
    non dirlo a me! anche io non adoro i dolci dolci...ma si sà al cuore non si comanda... e quindi mi è toccato fare anche questo dolce.

    RispondiElimina
  3. Io invece, da buona siciliana, adoro i dolci dolci, anzi dolcissimi...

    RispondiElimina
  4. Che tentazione!!Mi fa gola...adoro i dolci con il semolino...e adoro il tuo blog è bellissimo foto comprese...se hai voglia passa atrovarmi!A presto

    RispondiElimina
  5. segnata nei preferiti, ha un aspetto che mi incanta!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao a tutte!
    @fantasie io ADORO i dolci siciliani, e forse sarà per questo che no mi sembrano così dolci...ma preparati questa è zucchero allo stato puro.

    @Ambra ciao! grazie mille! ho un fatto un salto veloce da te... davvero niente niente male neanche il tuo!... ci passerò spesso ;-)

    @Federica grazie sempre generosa!!

    @FairySkull se la provi fammi sapere! sono curiosissima...

    RispondiElimina
  7. Hai ragione, bisogna chiudere gli occhi! Ho incrociato diverse volte questa ricetta su blog e forum e ogni volta mi sono spaventata per la quantita' di zucchero. Ma deve essere di un buono... Buona giornata - Maura

    RispondiElimina
  8. ...una precauzione per tutti.....evitare di mangiarne 6 chili prima di andare a dormire.....

    RispondiElimina
  9. Hey. Guarda, secondo me gli ingredienti potrebbero essere simili. Però quella famosa torta aveva come dei filamenti di cocco e miele che la guarnivano sopra e lateralmente. Cmq, credo che proverò la tua ricetta, che mi ispira un bel po'!

    RispondiElimina
  10. PS per tutti: l'anonimo che vi ha invitato a non mangiarne 6 kg prima di andare a dormire è una persona di mia conoscenza che vi sta dando un consiglio di vita vissuta!! ;-)

    RispondiElimina
  11. carissima mi chiamo tamer mahmoud sono egiziano del cairo dando uno sguardo alla ricetta ho notato un piccolo particolare negli ingredienti al posto del miele ti consiglio di mettere lo joghurt intero rimane meno pesante cordiali saluti tamer

    RispondiElimina
  12. Tamer ciao,
    grazie mille della visita e sopratutto del consiglio! ma il miele da sostituire con lo yogurt intero è quello dell'impasto? e lo sostituisco con pari peso?
    grazie ancora

    RispondiElimina
  13. ciao! Sono passata perchè cercavo la ricetta!Discutevo con mio marito che è egiziano( e la stava cucinando....Troppo dolce dicevo io...)Purtroppo devo dargli ragione!Siccome a lui piace molto, e per me è troppo dolce,lui aggiunge un cucchiaino di succo di limone mette anche lui lo yogurt e riduce le dosi dello zucchero...e encora un pizzico di vaniglia e tutta lacasa sarà profumeta di basbosa..una delizia!Provate.Maura

    RispondiElimina

TRACCE FRESCHE...DI CUCINA

a spasso in Giappone - II parte a spasso in Giappone - I parte muffin alla carota e mandorle senza grassi doughnuts alla cannella pop corn, speck, anacardi, burro d'acero meringhe alla fragola e cioccolato