domenica 22 novembre 2009

HO PROPRIO BISOGNO DI UN TIRAMI SU'

tiramisu, tiramisù, tirami su, dolce, mascarpone, caffè, savoiardi
Novembre, nebbia, influenza, domenica mattina (leggi: domani è lunedi!).... Gesù! ho proprio bisogno di qualcosa che mi alzi il morale...E allora facciamoci questo bel Tiramisu, energetico, caffeinico, semplice e veloce. Il Tiramisu è uno dei miei dolci preferiti proprio per gli aggettivi di cui sopra, ma si dà il caso che fosse una vita che non riuscivo a prepararlo. Il motivo? assurdo e ve lo spiego subito.

Di solito il Tiramisù è un dolce che quando lo preparo (almeno io) ne faccio sempre un buon quantitativo, e quindi ben si presta per situazioni in cui si è in tanti e questo di solito ultimamente capita quando organizza qualcosa Max (il compagno di merende di Giò), ma qui scatta tutte le volte la solita tiritera di Giò: A Max piace quello di.... e quindi non farlo tu. Ma io dico gli uomini sono veramente strani! ma come cavolo fanno a sapere che preferiscono una cosa all'altra se non provano?... la settimana scorsa dopo anni di sottomissione ho deciso un colpo di mano e ho preparato il mio Tiramisu finalmente! lo stesso che ora nel solo vederlo mi aiuta in questa nebbiosissima mattina domenicale di novembre...

TIRAMISU
mascarpone 700 gr
uova 6
zucchero 6+1 cucchiai
brandy 6 cucchiai
caffè solubile 2 cucchiai colmi (confezione nescafè nera)
savoiardi 600 gr (quelli secchi non quelli morbidi!)
cacao amaro in polvere qb


le dosi sono per 12-14 persone

Incomincio con il preparare il caffè che così avrà modo di raffreddarsi: evitando lo sbattimento delle caffettiere preparo in un bric da mezzo litro il caffè versando i cucchiai di caffè solubile e acqua per mezzo litro scarso. Faccio andare nel microonde un paio di minuti per scaldare bene l'acqua e sciogliere il caffè, quindi aggiungo un cucchiaio di zucchero e 4 cucchiai di brandy.
Rompo le uova dividendo i bianchi dai rossi e faccio montare a neve piuttosto ferma i bianchi d'uovo e li metto da parte. I rossi in una altra boule insieme allo zucchero e due cucchiai di brandy li sbatto con la frusta elettrica finchè non diventano chiari e soffici. A questo punto inizio ad aggiungere il mascarpone un cucchiaio alla volta sempre con la frusta per montare alla massima potenza. Quando ho aggiunto tutto il mascarpone e il composto è bello omogeneo, incorporo i bianchi d'uovo utilizzando una spatola o un cucchiao di legno cercando di non smontare nulla girando sempre nello stesso senso e dal basso verso l'alto.
Terminata la crema inizio a montare il dolce in un recipente in alluminio usa e getta (le dosi vanno bene per quello più grande). Inizio con inzuppare ad uno ad uno i savoiardi nel caffè ma molto velocemente per non renderli troppo morbidi, e fatto uno strato di savoiardi spolvero tutto con il cacao con un passino a trama stretta. A questo punto spalmo metà della crema e poi ricomincio con un ulteriore strato di savoiardi inzuppati. Nel secondo strato però metto prima la crema residua, livello bene e poi spolvero di cacao.
Il dolce dovrebbe riposare in frigo almeno un paio di ore in modo da far amalgameare i vari ingredienti. Io spesso lo preparo anche il giorno prima.

3 commenti:

  1. questo è un classico fantastico! l'hai già finito??

    RispondiElimina
  2. straordinario......

    RispondiElimina
  3. Cara Federica,
    io ne ho (fortunatamente per la mia linea) mangiato pochissimo, il resto l'ho lasciato a Max (che ritengo sia l'anonimo sotto di te) che dopo averlo assaggiato ha deciso di finirselo!
    ...uomini!!;-)

    RispondiElimina

TRACCE FRESCHE...DI CUCINA

Barcellona the ultimate weekend merluzzo sous vide tapenade e carciofi  thailandia classic tour Gyoza Chicago summer time zuppa di verdure e pesce